17 dicembre 2022 Ore 17,00 presso la sala della Cineteca (Palazzo Gambalunga, Rimini)

Sabato 17 dicembre, dalle ore 17:00, presso la sala della Cineteca in via Gambalunga si terrà la presentazione del volume “RIMINI RITROVATA. Immagini degli anni Cinquanta negli scatti inediti di Amedeo Montemaggi”, curato da Sabrina Foschini e dall’Associazione Rimini Sparita APS, patrocinato dal Comune di Rimini e dalla Biblioteca Gambalunga, con il coordinamento editoriale di Andrea Montemaggi.

Nel 2020 sono stati ritrovati tra gli effetti di Amedeo Montemaggi, un sorprendente numero di negativi, con immagini mai stampate (tranne pochissime eccezioni). Il fondo fotografico conta circa 40.000 scatti a partire dal 1954 in avanti, che documentano sistematicamente eventi, personaggi e paesaggi riminesi, compreso il patrimonio artistico e architettonico della città. Si tratta d’immagini in bianco e nero che ritraggono in ogni aspetto storico-artistico e di costume, la società e i paesaggi riminesi della ricostruzione, i primi anni del boom turistico in cui si testimoniano visioni urbane perdute, tradizioni culturali scomparse, avvenimenti mondani, la moda e i personaggi di quella epoca in cui si gettarono le basi della Rimini contemporanea.

Un ritrovamento che fa pensare per certi versi ad un parallelo con Vivian Maier, la grande fotografa riscoperta dopo la sua morte.

Piazza Cavour, 1955: demolizione del felliniano Caffè Commercio

Amedeo Montemaggi, noto storico della Linea Gotica ma anche appassionato d’arte e ammiratore dei maestri americani della fotografia legati alla rivista Life, non solo documenta i fatti ma li interpreta attraverso il suo occhio creativo e sperimentale. Fra i fattori più sorprendenti vi è lo studio accurato della composizione delle inquadrature e della luce.

Nel volume, oltre a un campione rappresentativo di oltre 100 immagini, sono presenti testi con accenni biografici ad Amedeo Montemaggi ed una lettura critica delle opere esposte, di Sabrina Foschini, Nicola Gambetti e dei familiari.

Rotonda antistante il Parco Fellini con la nota Macchina Fotografica tuttora presente anche se modificata, 1955

Dopo il saluto dell’assessore Francesco Bragagni, interverranno Nadia Bizzocchi, Nicola Gambetti, Oreste Ruggeri e Andrea Montemaggi; l’incontro sarà coordinato e moderato da Sabrina Foschini.

Nell’occasione verranno proiettate alcune tra le immagini più suggestive scattate da Amedeo Montemaggi, che saranno commentate – dal punto di vista tecnico, storico e artistico – dai relatori: Nicola Gambetti, presidente di Rimini Sparita con Nadia Bizzocchi, dirttrice della Biblioteca Gambalunga, presenteranno il valore documentaristico del patrimonio iconografico ritrovato, Oreste Ruggeri racconterà il contesto cittadino degli anni Cinquanta – durante i quali sono state scattate le fotografie – e Andrea Montemaggi illustrerà il profilo umano del padre Amedeo.

Si tratta quindi di un’opera molto interessante per la nostra città ma anche per la storia della fotografia, ed è un preludio della mostra organizzata dal Comune sullo stesso tema e che si terrà dalla metà di gennaio 2023 alla Galleria dell’Immagine con l’esposizione di numerose fotografie.